sebina, you, sebinayou, opac, catalogo, servizi, biblioteca, utente, BiblioMo, Polo Bibliotecario

Ius de quo quaerimus : Cicerone filosofo del diritto

Maria Zanichelli

Universitas Studiorum <casa editrice> - 2018

Abstract
Questo libro mette a fuoco l'incontro di Cicerone con la filosofia, ed esamina il ruolo del diritto come elemento qualificante di alcune sue elaborazioni teoriche, riconducibili a due direttrici principali. Da un lato, l'idea del diritto come base costitutiva della società e l'idea del fondamento naturale e razionale dell'amicizia, del vincolo sociale, della legge, della giustizia; dall'altro l'atteggiamento probabilista, che connota tanto le opzioni filosofico-morali di Cicerone quanto le sue argomentazioni di avvocato: la tensione alla verità convive con la consapevolezza che i soli conseguimenti accessibili, nell'indagine filosofica come nel processo, sono all'insegna della probabilità e della verosimiglianza. La coesistenza di questi due poli, la riflessione giusnaturalista sui fondamenti oggettivi e universali e l'opzione probabilista che accetta di arrestarsi al di qua della verità, ci svela un Cicerone meno "risolto", meno monolitico, meno lontano da noi di quel che si crede solitamente.
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Commenti
  • Forse ti può interessare
MODUG@UNIVERSITÀ-Biblioteca giuridica

Biblioteca selezionata:

UNIVERSITÀ-Biblioteca giuridica

Documento disponibile

Inventario
000 790159
Collocazione
NORD 1.3. 1342